FEAR or FAITH? FRIGHT or FLIGHT?
Welcome Eagles to the New Crusade!
Will thou help defend the Fortress of Faith?

TradCatKnight- MOST VIEWED & FOLLOWED Traditional Catholic APOSTOLATE Worldwide!
As Seen on: Gloria.tv, SpiritDaily, Shoebat, Canon212, VeteransToday, Beforeitsnews & many other notable websites
BOOKMARK us & check in DAILY for the latest Endtimes News!
Welcome to my Nest. #EagleoftheFortress
WEBSITE OWNERS: Don't Forget To Add Us On Your Page!
ALEXA- TOP 25K WEBSITE WORLDWIDE

Saturday, October 29, 2016

Cardinal Muller Reiterates We Have "Two Popes"!

 Cardinal Muller Reiterates We Have "Two Popes"!
Only problem is per catholic teaching you cannot have two popes.  Benedict XVI is the true Pope
This is the same prelate who says the NEO SSPX will ultimately accept Vatican II ecumenism, collegiality, religious liberty 

 Dear Friends,
            Yesterday Antonio Socci published an article in Italian on the resounding declarations
made the day before by Card. Müller to the Radio Vaticana in the German edition on the fact
that there are two valid popes.
            You can find the piece here below and here is the link.
           
            In essence Card. Müller says that there are two legitimate popes, one with a meditative
passive function, that is Pope Benedict, of course, and one with an operational active function,
Pope Francis. The official position of the Vatican Curia and of Bergoglio himself is that Pope
Benedict is an “emeritus”, meaning that he fully renounced the papacy and that he is basically
not any longer a pope. 


            Card. Müller, on the contrary, says now what already mons. Gänswein said before. There
are two legitimate popes living at the same time and – he adds – it is the first time so in the history
of the Church. This unprecedented situation – he says – needs to be dealt with both theologically
and spiritually. Both popes exercise the Petrine Office in their own distinct function.

            Socci in his article recalls that Pope Benedict in his renunciation act explained that the
Petrine Munus (that is office and duty) is “per sempre”, forever. He recalls as well that Pope
Benedict then added La mia decisione di rinunciare all’esercizio attivo del ministero,
non revoca questo. “My decision to renounce the active exercise of the ministry does not
revoke that.”

            As I can see, both positions have a clear logical intrinsic incongruence.

            The position of Bergoglio and of the Curia is clearly incongruent with what Pope Benedict
actually said in the renunciation deed. There is no question about that because anyone can read the
actual text. It is self-evident and it is a fact.

            The position of Card. Müller and mons. Gänswein – but also of Pope Benedict himself – is
incongruent as well. The current situation is not just an unprecedented one for the Church, as it
is portrayed by the head of the Congregation for the Doctrine of the Faith. Such position is indeed
incongruent with the entire Tradition of the Church and with the words of the Gospel. Our Lord
Jesus entrusted the Church only to one person, St. Peter.

            Without much theology, based on simple common sense logics, it is pretty clear to me the
Curia and Bergoglio are right to assert that there is only one Pope, as the Petrine Office cannot be
dual. If that is so, however, it follows by mere consequential logics, that Bergoglio is not Pope.

            If the papacy cannot be dual, then there is a clear defect of will in the renunciation deed of
11th February 2013. A defect of will makes the act invalid, as Father Kramer has said on several
occasions. If the deed was invalid it follows that the Apostolic Seat was not vacated. It follows
therefore, that the Conclave, which was convened thereafter, was invalid for precisely the reason
that the Seat was not vacant. If so, then, Card. Bergoglio was not legitimately elected Pope.
            By consequence I arrive to the conclusion that Pope Francis is not indeed the Pope but an
illegitimate pope.

            Greetings
In Christ Rege per Mariam Reginam

Maurizio d’Orlando

CLAMOROSE DICHIARAZIONI DEL CARD. Müller. GRANDI MANOVRE PER EVITARE NUOVI DERAGLIAMENTI DI BERGOGLIO E SCONGIURARE LO SCISMA

Lo Straniero | Scritto il  28 Ott, 2016 
Winston Churchill diceva che il Cremlino (a quel tempo c’era il regime comunista) era “un dilemma avvolto in un mistero, racchiuso in un enigma”.
Qualcosa di simile potremmo dire oggi del Vaticano. Forse è anche per quest’aura di segreto – oltre alla solennità e alla bellezza della “location” – che ha tanto successo una serie, pur banale e surreale, come “The young pope”.
Molto più appassionanti della fiction sono i misteri del Vaticano vero. Dove, per la prima volta nella storia della Chiesa, un papa – dopo mesi di pesanti attacchi – si è “dimesso” (per ragioni oscure), ma in realtà rimanendo papa.
Un Vaticano dove oggi convivono due papi, senza che nessuno abbia spiegato com’è possibile, dal momento che è sempre stato insegnato che può esserci un solo Successore di Pietro.
Dove – probabilmente – qualcosa di importante sta accadendo in questi giorni, dietro il silenzio impenetrabile dei sacri palazzi.
Purtroppo i media da tempo sembrano disinteressati all’informazione sulla Chiesa e la Santa Sede, forse perché troppo impegnati nelle celebrazioni e negli osanna.
Fatto sta che nessuno, almeno in Italia, sembra essersi accorto di una intervista esplosiva del numero 2 della Chiesa, il card. Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede (è il ruolo che ricoprì il card. Ratzinger al tempo di Giovanni Paolo II).
Fu Benedetto XVI a chiamarlo lì e fu poi Francesco a confermalo e crearlo cardinale, anche se i rapporti fra i due, per le profonde divergenze sulle riforme dottrinali volute da Francesco nei due sinodi sulla famiglia, hanno portato al sostanziale isolamento di Müller rispetto al gruppo dirigente di Francesco.
CLAMOROSA INTERVISTA
Dunque Müller, che è anche curatore dell’opera omnia di Ratzinger, l’altroieri ha rilasciato un’intervista all’edizione tedesca della Radio vaticana dove, per la prima volta, un alto esponente del Vaticano pone il problema della convivenza dei due papi, dove rivela sommessamente che c’è un dibattito in corso oltretevere e dove prospetta uno scenario sorprendente.
Il cardinale ha detto:
“Per la prima volta nella storia della Chiesa abbiamo il caso di due legittimi papi viventi. Certamente solo Papa Francesco è il Papa, ma Benedetto è l’emerito, perciò in qualche modo ancora legato al papato. Questa situazione inedita deve essere affrontata teologicamente e spiritualmente. Su come farlo, ci sono diverse opinioni. Io ho mostrato che pur con tutte le diversità che riguardano la persona e il carattere, che sono date dalla natura, tuttavia anche il legame interno deve essere reso visibile”.
Ma – chiede la giornalista – in cosa consiste questo legame interno? La risposta di Müller:
“Si tratta del confessare [proclamare la fede in] Gesù Cristo, che è la ‘ratio essendi’, il vero fondamento del Papato, che tiene insieme la Chiesa nell’unità in Cristo…”.
Sembra una risposta astratta, teologica, ma in realtà rimanda alle sue parole precedenti, facendo capire che il “ministero petrino” di Benedetto XVI continua tuttora. Cosa che trova conferma nel seguito dell’intervista.
Infatti la giornalista chiede: “Cosa offrono alla Chiesa due papi insieme” (due che sono papi in contemporanea)?
Risposta di Müller:
“entrambi esercitano un ufficio che non sono stati loro a darsi e che loro non possono nemmeno definire, un ufficio che è già ‘de-finito’ da Cristo stesso, così come è stato compreso dalla coscienza credente della Chiesa. E ognuno sperimenta nell’ufficio papale, così come in ogni altro officio ecclesiale, un peso che si può portare solo con l’aiuto della grazia”.
Sono parole sorprendenti. Perché qua Müller non dice affatto – come finora si è sentito – che Benedetto XVI sostanzialmente non è più papa, non dice affatto che è un pensionato che non ha più nessun ruolo nella Chiesa, non dice affatto che è qualcosa di simile ai “vescovi emeriti”, come afferma papa Bergoglio.
Dice che, Francesco e Benedetto XVI, “entrambi esercitano un ufficio” che è l’ “ufficio papale”. E dice che questa situazione inedita, di “due legittimi papi viventi”, “deve essere affrontata teologicamente e spiritualmente”.
Dunque Müller sembra andare nella stessa direzione della clamorosa conferenza, del 21 maggio scorso, alla Gregoriana, di mons. Georg Gänswein, segretario di Benedetto XVI e Prefetto della Casa pontificia di Francesco.
DUE PAPI
In quell’intervento, che in Vaticano ebbe un effetto dirompente (ma la stampa lo ignorò), Gänswein disse fra l’altro:
“Prima e dopo le sue dimissioni, Benedetto ha inteso e intende il suo compito come partecipazione al ‘ministero petrino’. Egli ha lasciato il Soglio pontificio e tuttavia, con il passo dell’11 febbraio 2013, non ha affatto abbandonato questo ministero. Egli ha invece integrato l’ufficio personale con una dimensione collegiale e sinodale, quasi un ministero in comune”.
E ancora:
“Dall’elezione del suo successore Francesco, il 13 marzo 2013, non vi sono dunque due papi, ma de facto un ministero allargato, con un membro attivo e un membro contemplativo. Per questo Benedetto XVI non ha rinunciato né al suo nome, né alla talare bianca. Per questo l’appellativo corretto con il quale rivolgerglisi ancora oggi è ‘Santità’; e per questo, inoltre, egli non si è ritirato in un monastero isolato, ma all’interno del Vaticano, come se avesse fatto solo un passo di lato per fare spazio al suo successore e a una nuova tappa nella storia del papato”.
Dunque non un passo indietro, ma solo un passo di lato. La conferenza di mons. Gänswein è stata dirompente, ma si è dovuto aspettare un paio di mesi per avere una qualche reazione: un’intervista a un canonista di Curia, dove non era mai nominato Gänswein, che era titolata così: “Non può esistere un papato condiviso”.
Il giornalista bergogliano Andrea Tornielli, autore dell’intervista, iniziava dicendo che lo stesso Francesco aveva già risposto: “ ‘C’è un solo Papa. Benedetto XVI è l’emerito’. Lo scorso giugno, durante il volo di ritorno dall’Armenia, Francesco aveva risposto in modo chiaro e preciso a una domanda sulle teorie riguardanti la possibilità di un ministero papale ‘condiviso’ ”.
Se già aveva risposto il papa che necessità c’era di far parlare, due mesi dopo, anche un canonista? Forse perché la questione non era affatto chiusa? Forse perché – come dice oggi Müller – “ci sono diverse opinioni”?
In effetti le dichiarazioni di mons. Gänswein prima e del card. Müller oggi, dimostrano che la questione è del tutto aperta.
PER SEMPRE
Ma soprattutto è stato lo stesso Benedetto XVI ad aprirla, non solo con la scelta del papato emerito, ma anche con le parole del suo ultimo discorso, dove spiegò che il ministero petrino era “per sempre” nella sua vita e aggiunse: “La mia decisione di rinunciare all’esercizio attivo del ministero, non revoca questo”.
Poi nel suo recentissimo best-seller, “Ultime conversazioni”, papa Benedetto ha dedicato una pagina a spiegare la sua attuale situazione e lo ha fatto con poche sobrie parole, ma in perfetta consonanza con l’intervento di maggio del suo segretario e con quello dell’altroieri di Müller. Dice infatti che la sua non è stata “una fuga, ma un altro modo di restare fedele al mio ministero”. E aggiunge che continua ad essere papa “in un senso più profondo, più intimo”.
Oggi Müller afferma che “deve essere reso visibile” quel “legame interno” che lega i due papi e li vincola alla custodia del “Depositum fidei”, cioè alla difesa della fede cattolica.
ULTIMA OCCASIONE?
Forse è una scialuppa di salvataggio che Benedetto sta offrendo a Francesco, per aiutarlo a continuare la sua opera, ma restando dentro i binari dell’ortodossia. Scongiurando così scelte sbagliate (e Bergoglio ne fa a iosa) e tragici scismi.
Alla luce di ciò si comprendono meglio i toni collaborativi che Benedetto usa con Francesco nel suo libro e anche il nuovo volume di Müller che tenta di riconciliare i due pontificati sotto il titolo “Benedetto & Francesco. Successori di Pietro al servizio della Chiesa”.
.
Antonio Socci
Da “Libero”, 28 ottobre 2016